domenica 12 settembre 2010

Esercizi di Autostima

DI REBOOT

autostima

Ultimamente sembriamo affetti da un incantesimo collettivo che ci costringe ad agire in modo assurdo, contrario l’interesse della nostra stessa sopravvivenza. Il sintomo più acuto di questo squilibrio è la diffusa fascinazione per l’autodistruzione. Molti non solo se la augurano, ma sperano che avvenga in tempi brevi. Pensano che l’essere umano sia una brutta malattia da debellare. E lo dicono come se fosse una loro idea, un concetto che hanno elaborato spontaneamente, senza accorgersi che è solo la riproduzione automatica del pensiero dominante.

Come ogni trucco che si rispetti, il condizionamento culturale, cerca di dissimulare il suo artificio. La sua influenza è dissimulata dalla coerenza, dalla pervasività e dalla persistenza dei suoi messaggi. Il suo funzionamento è binario: se uno stimolo è coerente con esperienze del passato, lo accettiamo, se contraddice quello che sappiamo, lo scartiamo. Visto che tutti i messaggi che ci arrivano, fin dai primi anni di vita, ci offrono un’immagine coerente di noi stessi e del mondo, finiamo per credere che quella sia effettivamente la realtà. Il sistema culturale ha sempre esercitato questa funzione di controllo sui membri di una data società, ma gli sviluppi di scienza e tecnologia hanno amplificato la potenza e l’invadenza di questo condizionamento a livelli senza precedenti nella storia dell’umanità. Siamo continuamente assediati da messaggi di pericolo, violenza, lussuria, scarsità, competizione, stupidità. Queste idee definiscono la nostra quotidianità, incoraggiando e rinforzando tutte le peggiori potenzialità della natura umana. Il risultato è farci sentire inadeguati, deboli, isolati, insicuri, spaventati, arrabbiati, violenti, pericolosi e costantemente bisognosi. Pochi valutano la possibilità che la maggior parte di quello che “sappiamo” non abbia il minimo fondamento nella realtà, che anzi sia un’arbitraria convenzione tra nativi. La nostra cultura ha deciso che non esiste nulla oltre la materia e che la vita solo è un intercambiabile contenitore del nulla. La nostra cultura nega che l’uomo sia un essere fondamentalmente sociale, socievole e pacifico, perché le persone serene e padrone di sé, non si riescono a controllare facilmente, e la nostra cultura è quella dei “Masters of the Universe”. Eppure basta osservare la spontaneità e la fiducia senza riserve dei neonati per capire qual’è la natura originaria dell’essere umano. Basta aprire un manuale d’antropologia per verificare come molte culture indigene abbiano prosperato in armonia con se stesse e la natura per centinaia di anni - e molte lo farebbero ancora, se non fossero venute in contatto con la nostra. Questo significa che possiamo essere convinti a odiarci e diventare autodistruttivi, ma possiamo anche essere incoraggiati a volerci bene e vivere una vita sana e gratificante. Si tratta di una semplice scelta, qui e ora. Siamo creature senza valore, destinate ad essere schiavizzate, usate e brutalizzate dal più grosso, cattivo, insensibile e violento di noi? Oppure siamo esseri con una dignità e una bellezza innata, con talenti e creatività tali da permetterci d’inventarci vite imprevedibili, irripetibili e ricche di significato? La scelta è solo nostra. Anche se ci vogliono convincere del contrario, le nostre scelte individuali hanno un peso immenso, perché tendono inevitabilmente a rendere la società conforme alle nostre idee. Mai sentito parlare delle profezie che si auto-avverano? Essere responsabili della propria vita non è un evento che succede una volta per tutte, magari al compimento del diciottesimo anno, è un processo continuo. Si tratta d’essere quotidianamente attenti all’uso e abuso che facciamo di ogni nostro pensiero, parola e azione. Si tratta d’essere consapevoli dell’effetto che hanno su di noi e su quello che ci succede intorno e di valutare eventualmente alternative più desiderabili. E’ una disciplina che richiede dedizione, ma con un po’ d’allenamento, tutti ce la possiamo fare.

L’importante è non seguire l’esempio dei nostri leader o delegare ad altri la responsabilità del nostro benessere. Imparare ad esplorare e usare tutto il nostro potenziale umano non è una questione di fortuna, fede o QI, è unicamente una questione di QE (Quoziente Emotivo, capacità di sentire). Basta solo sentirsi vivi, continuare fortemente a voler vivere e prendersi cura di noi e di quello che abbiamo intorno. E’ tutto qua. Per cambiare serve solo desiderarlo, poi immaginarlo, poi farlo. Non è difficile. Just do it, lo dice anche la Nike.

Non è necessario che il 100% delle persone desideri una cosa per farla accadere al 100%. Poche persone sane sono in grado di guarire un numero molto maggiore di malati. E una sola verità può far crollare una montagna di bugie.

L'articolo ti è piaciuto? dagli visibilità Cliccando su OK!!

13 commenti:

  1. Hai messo insieme due concetti molto importanti.

    Assumere la responsabilità della propria vita è il primo passo che ci consente di fare qualcosa che abbia valore per noi stessi e per gli altri.

    Pensare che possiamo fare questo, tirando fuori le nostre capacità emotive (il quoziente intellettivo esprime solo una parte della nostra intelligenza), può essere l'elemento che cambierà per sempre la nostra vita.

    Ciao

    RispondiElimina
  2. mai sentito parlare dell'organo Kundabuffer?

    :)

    RispondiElimina
  3. L'organo di Kundabuffer mi e' nuovo.
    Ma ho dato un'occhiata. Gurdjieff e' un personaggio che ultimamente sento spesso nominare e che m'incuriosisce, approfondiro'. Grazie.

    RispondiElimina
  4. Tratto da un racconto di gurdjieff:

    C'era una volta un mago molto ricco che aveva un gregge molto numeroso, ma era un mago molto avaro e non voleva assumere pastori, non voleva costruire recinti intorno ai prati dove le sue pecore pascolavano.
    Di conseguenza le pecore girovagavano spesso nella foresta e cadevano nei burroni, ma soprattutto fuggivano quando capivano che il mago voleva la loro carne e la loro pelle, cosa che a loro non piaceva affatto.
    Alla fine il mago trovò la soluzione. Ipnotizzò le sue pecore e, come prima cosa, suggerì loro il pensiero di essere immortali, pertanto non avrebbero subito alcun danno quando venivano squartate ...al contrario sarebbe stato un bene per loro e perfino un piacere.
    In secondo luogo suggerì loro il pensiero che il mago era un padrone buono che amava il suo gregge al punto di essere pronto a fare qualsiasi cosa per le sue pecore.
    In terzo luogo, suggerì loro il pensiero che, se fosse successo qualcosa a loro, non sarebbe accaduto proprio in quel momento, nè proprio in quel giorno e quindi non dovevano pensarci.
    Suggerì anche che il pensiero che non erano affatto pecore...
    ad alcune disse di essere leoni, ad altre disse che erano aquile, ad altre ancora disse che erano uomini ed alle rimanenti disse di essere maghi.
    Dopo cessarono tutti i suoi pensieri e tutte le sue preoccupazioni per le sue pecore: non fuggivano più, ma aspettavano quietamente che il mago richiedesse la loro carne e la loro pelle...

    RispondiElimina
  5. CONCORDO... Siamo continuamente assediati da messaggi di pericolo, violenza, lussuria, scarsità, competizione, stupidità... Il risultato è farci sentire inadeguati, deboli, isolati, insicuri, spaventati, arrabbiati, violenti, pericolosi e costantemente bisognosi. Pochi valutano la possibilità che la maggior parte di quello che “sappiamo” non abbia il minimo fondamento nella realtà, che anzi sia un’arbitraria convenzione tra nativi... Maristella

    RispondiElimina
  6. Anche questo post è molto illuminante.

    RispondiElimina
  7. Una singola goccia che cade nell'oceano può essere più potente dell'oceano stesso in tempesta.
    Carlupo

    RispondiElimina
  8. Diffondere, diffondere, diffondere...
    vicious

    RispondiElimina
  9. Messaggio di speranza... mi piace molto

    RispondiElimina
  10. profondo e ottimista...

    RispondiElimina
  11. questi pensieri li avevo gia dai tredici anni in su, x questo nn seguivo mai chi mi disse cosa devo fare.. o cosa sia giusto, ma lo ascoltavo e valutavo imparando cosa posso fare io della mia vita. ero la matita che scriveva il suo libro.. la sua vita fino ad'oggi.. concordo con tutto cio, e vi ringrazio, xche stavo iniziando a dubbitare di cio che ho vissuto nel mio libro.. ma ora con dolore e amore verso la mia vita leggendo tutto cio sono dinuovo su due piedi. nn ho mai pensato diversamente. vi ringrazio di avermi dato questo conforto. amate sempre cio che siete. xche senza lamore verso se stessi nn potrete mai viveri sicuri e in pace con cio che ci sta attorno. parte tutto da noi, dalla testa al cuore. saluti massimo albergucci

    RispondiElimina
  12. Da tanto cercavo un post così :)
    Interessante.

    RispondiElimina
  13. verissimo. molto interessante anche questo articolo. un piacere averti scoperto

    RispondiElimina

Related Posts with Thumbnails